Come organizzare un viaggio in Indonesia

by Tanja
Come organizzare un viaggio in Indonesia

Ci è voluto più di un mese per capire come organizzare un viaggio in Indonesia, ma eccoci qui a pochi giorni dal nostro volo per l’altra parte del mondo. Una lunga avventura ci aspetta.

Viaggeremo per un mese visitando in lungo e in largo questo enorme e bellissimo paese. Voleremo nel Borneo per incontrare gli oranghi – gli uomini della foresta – poi andremo a Bali e a Flores per visitare l’incontaminato Parco Nazionale di Komodo. Ultima fermata Java e il Tempio di Borobudur, patrimonio dell’UNESCO.

Il primo consiglio per organizzare un viaggio in Indonesia è prenotare in anticipo, soprattutto se si vuole viaggiare durante l’alta stagione luglio-agosto. Abbiamo prenotato il nostro viaggio 5 mesi fa, quando i biglietti aerei costavano – € 740 andata e ritorno (Milano – Giacarta).

In cerca di altri suggerimenti?
Continua a leggere per scoprire tutto su come organizzare un viaggio in Indonesia.

Dove andare in Indonesia. Itinerari popolari e cosa vedere

Tienilo a mente: l’Indonesia è grande, molto grande. In effetti, è il paese con il maggior numero di isole (più di 17.500) al mondo. È molto probabile che non riuscirai a vedere tutto ciò che ti interessa, anche se hai intenzione di rimanere per qualche mese. Se non pianifichi cosa visitare in anticipo, potresti finire col sentirti sopraffatto. Quindi, fase numero uno: decidi i luoghi che non ti vuoi assolutamente perdere. Ma come scegliere cosa vedere in Indonesia in un mese?

IL NOSTRO ITINERARIO DI 4 SETTIMANE IN INDONESIA

Sentendo parlare di Indonesia la prima cosa a cui si pensa è alle spiagge di Bali, al surf e alle risaie, ma l’Indonesia è molto di più! Vulcani, giungle, cascate, villaggi indigeni e parchi marini. Ogni isola, per quanto piccola possa essere, meriterebbe di essere visitata. Pianificando il nostro viaggio in Indonesia abbiamo ridotto l’itinerario a questo:

Come organizzare un viaggio in Indonesia
Durata del viaggio: 28 giorni
Viaggiando dal 5 agosto all’1 settembre

L’itinerario

BORNEO

Trascorreremo i primi tre giorni nel Tanjung Puting National Park, nel Borneo con Local Guides per incontrare gli orangutan. La nostra casa sarà una barca che si muoverà lungo il fiume Sekonyer alla ricerca di animali selvatici, scimmie e primati. Ci addormenteremo sotto le stelle nel cuore dalla foresta pluviale.

⇸ Leggi anche: LA NOSTRA AVVENTURA NEL BORNEO INDONESIANO

BALI

Bali. L’Isola degli Dei e degli spiriti che abitano le montagne. Isola di risaie, templi e di vulcani. Ma è l’essenza di Bali – e dei Balinesi – ad attrarci. La credenza spirituale balinese, un ibrido unico di buddismo, induismo e animismo, racconta l’universo in termini di equilibrio. Tradizione, rituali e religione influiscono su quasi ogni aspetto della vita su quest’isola. Esploreremo il villaggio hipster di Canggu, quello spirituale di Ubud e la penisola di Bukit, dove si trovano le spiagge più belle dell’isola.

Dopo aver visitato l’Isola degli Dei, andremo alla scoperta del suo lato oscuro: la misteriosa Nusa Penida. L’isola della magia nera, un tempo abitata da demoni e spiriti oscuri, una rara combinazione di immensa bellezza naturale, isolamento involontario e spiritualità.

⇸ Leggi anche: Cose da sapere prima di visitare Bali
⇸ Leggi anche: 10 consigli di viaggio per Bali, Indonesia

KOMODO NATIONAL PARK

Un volo di un’ora collega Bali a Flores, la nostra prossima destinazione. Qui ci imbarcheremo per quattro giorni di avventura a bordo di Le Pirate Explorer. Visiteremo il Parco Nazionale di Komodo, Patrimonio dell’Umanità, faremo snorkeling, trekking sulle isole e – per il tempo restante – non faremo assolutamente nulla se non guardare l’orizzonte mentre solchiamo le acque turchesi dell’arcipelago. Dimenticavo, cercheremo di avvistare i leggendari Draghi di Komodo e andremo a nuotare con le mante.

BOROBUDUR, YOGYAKARTA

Ultima tappa: il maestoso tempio di Borobudur nella parte centrale dell’isola di Java, il più grande monumento buddisti al mondo e patrimonio mondiale dell’Unesco. Visto dall’alto, la struttura assomiglia a un gigantesco mandala tantrico tridimensionale. Di fatto, rappresenta una visione buddhista del cosmo, che inizia nel mondo quotidiano e sale a spirale fino al nirvana. Magico.

⇸ Leggi anche: GUIDA AL TEMPIO DI BOROBUDUR

Trasporti: come muoversi in Indonesia

Durante l’organizzazione di un viaggio in Indonesia, tieni presente che il trasporto nelle isole è complesso. Il paese è enorme e il traffico è un problema costante. La soluzione più rapida per spostarsi da un luogo all’altro è volare, ma la maggior parte delle compagnie aeree accetta solo carte di credito indonesiane per i pagamenti online. Per prenotare in anticipo i nostri voli interni abbiamo utilizzato AirAsia, Garuda e il sito Nusatrip che ci ha aiutato a trovare offerte convenienti. Garuda, anche se è la più costosa, è l’unica compagnia aerea affidabile del paese, quindi hai tempi stretti e non vuoi rischiare di perdere una coincidenza a arrivare tardi alla tua prossima destinazione ti consiglio di spendere qualche euro in più. Per spostarti sull’isola puoi noleggiare motorini a € 3 al giorno, o prenotare un auto con autista tramite l’app di Grabcar (che di recente ha sostituito Uber). I prezzi sono davvero convenienti.

Internet e telefonia in Indonesia

Viaggiando in Indonesia è indispensabile avere internet a disposizione. Non solo per controllare itinerari, prenotare voli e altri servizi, ma anche per prenotare un’auto con Grabcar o del cibo a domicilio con GoJeck. Per comunicare, tassisti e agenzie usano Whatsapp. Le norme sull’acquisto di una SIM card indonesiana stanno cambiando. Per acquistarne una bisogna essere residenti e solo nelle isole più turistiche come Bali è possibile convincere i punti vendita a fare uno strappo alle regole. A volte però, a pochi giorni dall’acquisto queste SIM Card vengono disattivate. Per non rimanere senza internet durante il nostro viaggio in Indonesia abbiamo noleggiato Travelers Wifi, un piccolo dispositivo tascabile che garantisce connessione super veloce e illimitata ovunque tu sia.

Come organizzare un viaggio in Indonesia

TravelersWifi


Visto per l’Indonesia

In Indonesia, 169 paesi hanno un visto gratuito non estendibile di 30 giorni all’arrivo. Se desideri rimanere più a lungo in Indonesia, puoi richiedere un visto all’arrivo (estendibile). Questo ti dà 30 giorni più una possibilità di estenderlo per altri 30 giorni durante il tuo viaggio in Indonesia. I paesi che possono ottenere questo tipo di visto sono 67 e il visto costa 35 USD a persona.

Periodo migliore per visitare l’Indonesia

Ci sono due stagioni principali in Indonesia, stagione delle piogge e secca. Il periodo migliore dell’anno per visitare l’Indonesia è tra maggio e settembre quando i giorni sono secchi e soleggiati. La stagione umida è tra ottobre e aprile, con piogge brevi e intense. Guarda questa mappa della Lonely Planet per saperne di più sulle stagioni indonesiane.

Budget per un viaggio in Indonesia, per persona:

Voli per Indonesia: 740€
Volo per il Borneo: 58€ 
Voli per Bali: 75€
Volo per Labuan Bajo: 102€
Volo per Yogyakarta: 152€
Volo per Giacarta: 63€
Hotel: 356€
Barca nel Borneo 3 gg: 225€
Le Pirate Explorer 4 gg: 210€
Motorino: 2/giorno
Komodo National Park: 18/giorno
Assicurazione medico/bagaglio: 70
Cibo e bevande: 20€/giorno
 

UN’ULTIMA COSA…

… anche se consigliamo di fare un po’ di ricerche prima di partire, è utile portare sempre con se una guida. Ecco le guide che abbiamo usato per organizzare il nostro viaggio in Indonesia:

Hai trovato utile la nostra guida su Come organizzare un viaggio in Indonesia?
Condividi le tue esperienze di viaggio nei commenti qui sotto!

You may also like

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.