Ayutthaya, viaggio nell’antica capitale thailandese

by Tanja

Mistica e affascinante Ayutthaya, antica capitale del Siam, si trova a soli 86 km da Bangkok in Thailandia. Un tempo centro di scambi commerciali di materiali preziosi come legno, avorio, pelli e sete, il parco storico di Ayutthaya è un museo a cielo aperto con templi, Buddha giganti e obelischi – prang – che richiamano le torri della cambogiana Angkor Wat. L’isola, circondata da tre fiumi – il Chao Phraya, il Pasak e il Lopburi – custodisce la maggior parte delle rovine, simbolo del glorioso passato della città e tutelate dall’Unesco dal 1991.

Fondata nel 1350, Ayutthaya fu la seconda capitale del Siam dopo Sukhotai, nonchè uno dei centri più strategici a livello commerciale e diplomatico del sud-est asiatico. Il regno durò per più di quattro secoli e toccò l’apice dello splendore nel XVI secolo. Nel 1767, dopo un assedio di 15 mesi, la città – che allora contava più di 1500 templi e 4000 statue – fu distrutta e depredata dall’esercito birmano. Caduta Ayutthaya, la capitale della Thailandia fu spostata a ovest del fiume Chao Praya, nell’attuale Bangkok.

Per ammirare lo splendore khmer e la bellezza delle sue zone rurali è possibile affidarsi a uno dei tanti tuk tuk – mezzi di trasporto tradizionali su tre ruote – oppure noleggiare una bicicletta (circa 40 baht al giorno), dedicando un paio di giorni alla scoperta del parco storico di Ayutthaya.

 

Cosa visitare nel parco storico di Ayutthaya

Ayutthaya Thailandia

Tra i siti più affascinanti, nonchè uno dei nostri preferiti, il Wat Phra Si Sanphet. Questo complesso di templi, costruito nel XIV secolo, era il palazzo più grande della città. Al suo interno si trovava una statua di Buddha alta 16 metri e coperta da 250 kg d’oro.

Ayutthaya Thailandia

Altrettanto famoso è il Wat Phra Mahathat, dov’è custodita la testa del Buddha divenuta simbolo di Ayutthaya. La leggenda narra che quando il sito fu distrutto dall’esercito invasore, tutte le statue di Buddha vennero distrutte e decapitate, a dimostrazione della potenza birmana. Una delle teste di pietra si salvò e, rotolando ai piedi di un grande albero, fu avvolta e protetta dalle sue radici.

Ayutthaya Thailandia

Il Wat Yai Chaya Mongkol con i suoi stupa e le lunghe file di Buddha drappeggiate con vivaci tessuti gialli è uno dei siti più fotografati. Situato a sud-est dell’isola di Ayutthaya, fu costruito nel 1357 e principalmente utilizzato dai monaci per la meditazione.

Ayutthaya Thailandia
Per godere di una vista panoramica della città e delle risaie circostanti, basta salire l’ottantina di gradini che compongono la scalinata del Wat Phu Khao Thong (Monastery of the Golden Mount) situato a nord-ovest dell’isola. Ora il tempio è stato totalmente ridipinto in bianco!

Ayutthaya Thailandia
Altri siti da non perdere sono il Wat Lokayasutharam e il Viharn Phra Mongkol Bophit. Nel primo, si trova una scultura lunga 37 metri e alta 8 metri, di un Buddha disteso con la testa appoggiata su un fiore di loto. Nel secondo, un’altra imponente statua di un Buddha alto 12,45 metri e largo quasi 10 metri.

 

Come arrivare ad Ayutthaya partendo da Bangkok

Ayutthaya Thailandia

Raggiungere Ayutthaya da Bangkok è molto facile. La soluzione più veloce ed economica è recarsi alla fermata Victory Monument dello skytrain, l’unica metropolitana sopraelevata di Bangkok. Da qui, cartelli rossi indicano la fermata da qui ogni 20/30 minuti, partono minibus che collegano la capitale thailandese a diverse regioni della provincia, inclusa Ayutthaya (circa 120 Baht a/r). Il parco storico è anche raggiungibile in treno (30 Baht circa), con autobus di linea (circa 50 Baht solo andata) e in barca.

You may also like

8 comments

Sara December 17, 2017 - 8:48 pm

Continuo a chiedermi perchè di 5 volte che sono stata in Thailandia non sono stata a Ayutthaya… Bellissime foto e articolo che mi hanno provocato un bel po’ di invidia! 🙂

Reply
Ultimate Detours January 13, 2018 - 12:30 pm

Un luogo assolutamente da vedere!!! Next time…

Reply
sandra January 12, 2018 - 3:07 pm

Grazie per queste info, sto meditando di accompagnare un gruppo in un itinerario in Thailandia del Nord ed è prevista una tappa qui…

Reply
Ultimate Detours January 13, 2018 - 9:59 am

Ciao Sandra, Ayutthaya non può mancare tra le tappe! Cerca di visitare i templi di mattina presto, prima dell’arrivo di migliaia di pulmini da Bangkok 😉 Hai organizzato tu il gruppo? Che bello! Ti chiederò più info…

Reply
maria millarte January 13, 2018 - 3:14 pm

É impressionante quel volto nell’albero! Mi viene in mente che potrebbe parlare come nelle favole 😀

Reply
Tanja January 15, 2018 - 1:39 pm

Incredibile come sia rimasto lì immobile per così tanto tempo!

Reply
Occhio allo Scatto March 13, 2018 - 10:05 pm

Un luogo magico. Abbiamo in programma di visitare al più presto la Thailandia, infatti stiamo accumulando un pò di notizie. Grazie per l’articolo davvero ben fatto!

Reply
Tanja March 18, 2018 - 4:48 pm

Grazie mille! Speri riuscirai a visitarla, è uno spettacolo imperdibile!

Reply

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.