Procida, l’isola dei pescatori nel Golfo di Napoli

by Tanja

Dove mangiare, dove dormire e cosa vedere a Procida, l’isola dei pescatori nascosta nel Golfo di Napoli. Una terra autentica in cui l’eterno sodalizio con il mare si riflette nei gesti quotidiani dei suoi abitanti. 

Nascosta all’ombra delle sorelle maggiori, Capri e Ischia, la tranquilla Procida è un’isola silenziosa e colorata che merita una visita di almeno un paio di giorni. Una terra autentica e sconosciuta al turismo di massa dove è il mare a scandire il passare del tempo. Il profumo di limoni invade i vicoli del centro storico e del borgo marinaro della Corricella. A rendere Procida ancor più speciale sono i suoi abitanti. Persone semplici e taciturne, da secoli legate con il mare attraverso la pesca e le flotte mercantili.

 

Cosa vedere a Procida

Si arriva sull’isola dopo circa 40 minuti di traghetto o di aliscafo da Napoli. Una volta raggiunto il porticciolo di Marina Grande si parte alla scoperta dell’isola. Risalendo il promontorio e scendendo dal lato opposto si raggiunge Marina di Corricella, il porticciolo di pescatori più antico dell’isola al primo posto tra le cose da vedere a Procida. Tra ristorantini, barche e reti di pescatori lasciate ad asciugare al sole, si aggirano gatti curiosi attirati dal profumo di pesce fresco. Le facciate color ocra, carta da zucchero e colori pastello si alternano a perdita d’occhio.

Cosa vedere a Procida
Cosa vedere a Procida
Cosa vedere a Procida

Risalendo le scale del borgo si arriva sul borgo Terra Murata, costruita per proteggere l’isola dai predoni saraceni. Qui, dove un tempo sorgeva una prigione, lo sguardo si perde in un panorama profondo sul borgo della Corricella e sul blu del Golfo di Napoli. Da lì, attraversando il portone del Palazzo D’Avalos si arriva in uno dei posti più silenziosi e belli dove ammirare il Vesuvio ed ascoltare il rumore del mare. Su questa terrazza, la più alta e panoramica di Procida, si trova il Bar del Castello, dove è possibile assaggiare deliziose limonate fresche e le granite al limone!

Cosa vedere a ProcidaCosa vedere a Procida

Tra le cose da vedere a Procida c’è anche Marina Chiaioiella, un piccolo borgo collegato che si affaccia sulla spiaggia più grande di Procida: il Lido. La sabbia scura ricorda le origini vulcaniche dell’isola. Per esplorare Procida in libertà è possibile noleggiare una bicicletta elettrica. In alternativa si può usufruire dei servizio pubblico di minibus o contrattare un giro turistico a bordo di un taxi Ape-car per circa 30€. Tuttavia, il modo migliore per vivere l’isola è via mare con una gita in barca.

Cosa vedere a Procida
Cosa vedere a Procida

Cosa vedere a Procida


Da assaggiare a Procida

Si inizia la giornata con un buon caffè napoletano e una lingua di bue, un dolce tradizionale fatto di pasta frolla e farcito con crema al limone – preparata rigorosamente con limoni procidani. Da assaggiare al Cavaliere in Via Roma, 42.

Si prosegue con spaghetti ai ricci, paccheri totani e peperoni verdi o le seppie ripiene. Per i più avventurosi, pasta cozze e fagioli. Il tutto accompagnato dalla fragranza dei limoni dell’isola, tra i più buoni mai assaggiati (il limone di Procida è “limun ‘e pan” si presenta molto più grande e dolce rispetto ai classici limoni). Ottima e rigenerante l’insalata di limoni,un piatto della tradizione isolana. Questa ricetta estiva e rigenerante (ricca di vitamine e sali minerali) è fatta con limoni di Procida, cipolla di Tropea, aglio, menta, peperoncino, sale, olio evo. Il tutto seguito dal digestivo più famoso d’Italia, il Limoncello.

Se ti stai chiedendo dove mangiare a Procida ecco qualche indirizzo assolutamente da non perdere: La Pergola in Via Salette 10, Fuego in Via Marina di Corricella 43 (ottima anche la pizza napoletana), La Conchiglia in Via Pizzaco, 10.

Cosa vedere a Procida

Cosa vedere a Procida


Dove dormire a Procida

Abbiamo scoperto l’isola di Procida grazie al Procida Camp & Resort, per cui abbiamo realizzato foto e video. Il Procida Camp & Resort è un giardino segreto, nascosto dietro a una porta blu come il mare. In questo glamping il tempo scorre lento all’ombra delle piante di limone. Per dormire si può scegliere tra Airstream, tende Nordisk, tende safari e bungalow. Ogni alloggio ha una doccia esterna (+10 punti) e una cucina dove poter cucinare dell’ottimo pesce fresco comprato in una delle tante pescherie dell’isola e insaporito con le erbe aromatiche e i limoni del giardino.

Procida Camp & Resort offre noleggio di bici elettriche, SUP, lezioni di yoga e escursioni in barca alla scoperta dell’isola e delle sue grotte nascoste ma anche delle isole di Ischia e Capri. Per vedere tutti i video e le foto che abbiamo scattato guarda l’account Instagram @procidacampresort.

Cosa vedere a Procida

Come arrivare a Procida

Dall’aeroporto di Napoli Capodichino puoi raggiungere i porti di Calata Porta di Massa e Molo Beverello con un taxi (circa 20€, contratta la tariffa prima della partenza) che impiega circa 15 minuti o con l’autobus di linea (5€, biglietto acquistabile a bordo). L’Alibus parte ogni 20 minuti dall’aeroporto e, traffico permettendo, arriva ai porti in circa 30-40 minuti con un’unica fermata intermedia, la Stazione Centrale. I traghetti Caremar e Medmar partono da Calata Porta di Massa e raggiungono Procida in circa 1 ora. Gli aliscafi Caremar e Snav partono dal Molo Beverello e la tratta dura circa 40 minuti. C’è un servizio navetta frequente e gratuito tra i due moli.  Per trovare gli orari e i prezzi dei traghetti e degli aliscafi per Procida clicca qui.

Cosa vedere a Procida

You may also like

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.