Viaggi sostenibili: 6 consigli per viaggiare green

by Tanja
Viaggi sostenibili

Tra pochi giorni, il 22 aprile per l’esattezza, si celebrerà la Giornata della Terra – alias il promemoria annuale che ci ricorda di prenderci più cura del meraviglioso pianeta che chiamiamo casa. Per noi viaggiatori, è anche una buona occasione per scoprire qualcosina in più sui viaggi sostenibili.

Chi ci conosce lo sa bene. Da quando abbiamo iniziato a viaggiare, il nostro sogno è stato quello di esplorare la nostra meravigliosa Madre Terra, ma anche di proteggerla. Ci siamo chiesti: da viaggiatori, come possiamo avere un impatto più positivo sull’ambiente? Il primo passo è stato informarci di più sulle culture e gli stili di vita dei paesi che stavamo visitando, poi abbiamo iniziato a prendere piccoli provvedimenti per ridurre la nostra impronta di carbonio. Ma come? Ve lo raccontiamo nella nostra guida al viaggio sostenibile.

Come esplorare il Pianeta Terra proteggendolo: 6 consigli per diventare un viaggiatore sostenibile

Lo si può chiamare ecoturismo, viaggio etico o viaggio sostenibile, l’importante è che aiuti a sostenere la Terra nutrendo al tempo stesso la tua voglia di viaggiare. Quindi, se vuoi esplorare il mondo senza rovinarlo leggi la nostra guida per viaggiare mantenendo la tua impronta leggera e preservando il pianeta … e ricorda, la Giornata della Terra va celebrata tutti i giorni dell’anno!

Viaggi sostenibili

SOSTIENI LE VERE ECONOMIE LOCALI

Scegli piccole attività locali per acquistare le tue scorte giornaliere e artigianato e souvenir realizzati a mano. Non sono sempre i più economici, ma acquistandoli darai un contributo diretto e positivo all’economia del posto.

SCOPRI DI PIÙ SUI PROBLEMI DI SOSTENIBILITÀ LOCALI

Mentre fai le ricerche prima del tuo viaggio, non limitarti a cercare i ristoranti alla moda e i quartieri hipster. Viaggiare in modo sostenibile vuole anche dire essere informati sui problemi locali. Visitando Cape Town un paio di mesi fa abbiamo scoperto che c’è una grave siccità nella zona e che l’uso dell’acqua andava ridotto al minimo indispensabile. In Thailandia, abbiamo scoperto che attività come la gita a dorso degli elefanti, a prescindere dal tipo di associazione che le promuove, sono una vera e propria forma di crudeltà sugli animali. Per non parlare dei templi dove è possibile fare selfie accarezzando le tigri. Visitando questi luoghi acconsentirete involontariamente al maltrattamento di animali selvatici, quindi pensateci non una ma mille volte prima di andarci! 

EVITA L’AEREO, QUANDO POSSIBILE

Secondo il Consiglio Internazionale sui Trasporti Puliti, guidare è solitamente meglio che volare, soprattutto se c’è più di una persona in macchina… evviva i road trip! Ok, tornando alla realtà: volare è spesso inevitabile per i viaggiatori, ma ci sono comunque soluzioni per ridurre l’impatto ambientale. In primis, scegliere voli diretti (decolli e atterraggi creano la maggior parte delle emissioni di carbonio di un aereo). E una volta arrivati ​​a destinazione, scegli i mezzi pubblici, noleggia una bicicletta, prendi i taxi condivisi o cammina quando puoi. Se vuoi guidare puoi noleggiare un veicolo ibrido – o elettrico – come abbiamo fatto nel nostro viaggio negli Stati Uniti. Un altro ottimo mezzo di trasporto è il treno. Viaggiando sui binari scoprirai la parte più intima e quotidiana del paese e ridurrai la tua impronta di carbonio.

DÌ NO ALLA PLASTICA

Il Great Pacific Garbage Patch, meglio nota come l’Isola dei Rifiuti, un ammasso di plastica e immondizia che si estende per migliaia di chilometri nell’oceano, include milioni di bottiglie di plastica e sacchetti che impiegheranno centinaia di anni, a dir poco, a disintegrarsi. Come far parte della soluzione? Scegli l’acqua purificata localmente e riempi la tua bottiglia (noi abbiamo scelto il marchio italiano di 24 Bottles: ogni volta che beviamo dalle nostre bottiglie in acciaio inossidabile evitiamo un rilascio di 80 grammi di CO2 nell’atmosfera). Mentre viaggi porta sempre con te piccole borse pieghevoli: non occupano spazio e le potrai usare per fare shopping nei mercati e nei negozi locali. Queste piccole accortezze ridurranno i rifiuti di plastica e anche tua impronta di carbonio.

VIAGGIA SENZA CARTA, SCEGLI IL DIGITALE

Mappe, biglietti, guide di viaggio. Non ci rendiamo neanche conto di quanta carta utilizziamo mentre viaggiamo. Fortunatamente, al giorno d’oggi, basta scansionare il proprio smartphone negli aeroporti e il gioco è fatto. Non serve stampare tutti i documenti e quando lo facciamo possiamo usare carta riciclata. Ci sono dozzine di mappe e guide ben fatte disponibili come e-book. Se sei un tradizionalista e ami le mappe cartacee ricordati di restituirle dopo l’uso. Proteggerai l’ambiente e viaggerai più leggero.

MANGIA CIBI LOCALI E STAGIONALI

I viaggi sostenibili si basano su piccoli dettagli. Anche la scelta del cibo può portare cambiamenti positivi nelle comunità locali. Sostenendo i mercati, i ristoranti biologici e km 0 e riducendo l’uso della carne, possiamo promuovere un modo di viaggiare sostenibile. Scegliendo ingredienti stagionali sosterrai gli agricoltori e l’economia del posto. Non dimenticare di fare un salto al mercato locale!

 

Tu cosa fai per viaggiare in modo sostenibile?
Lasciaci qualche consiglio e commento qui sotto!!

You may also like

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.